Crea sito

Allevamento canarini lipocromici rossi e rossi avorio

L'ALLEVAMENTO DISPONE di CANARINI ALTAMENTE SELEZIONATI -  Rosso Mosaico linea maschile  -  R. Mosaico linea femminile  -  R. Avorio Mosaico linea maschile  -  R. Avorio Mosaico linea femminile  -  R. Intenso ali bianche  -  R. Brinato ali bianche  -  R. Avorio Intenso ali bianche  -  R. Avorio Brinato ali bianche  -  Rubino Mosaico/Intenso/Brinato

CAMPIONI  ITALIANI  -  CAMPIONI  INTERNAZIONALI  - CAMPIONI  MONDIALI  

NL58  Del Bono Massimiliano & Perez Giancarlo 77EX

Associazione

Ornitologica Tirrena (LATINA)

www.canarinirossi.altervista.org

DEL BONO MASSIMILIANO MAXIMO_DM@libero.it

&

PEREZ GIANCARLO gigipiz@libero.it

  Home Page

  Max Del Bono 

 Giancarlo Perez

  Soggetti Allevati

  Foto Stagione Cova 

  Alloggi

  Galleria Fotografica

 Video Canarini

 Risultati Mostre

 Mostra Scambio

Mosaico dei Campioni

  Riviste F. O. I

Iscriviti Gratis a

Firma il libro visitatori lascia un tuo commento

                                                    

Domande Frequenti

 

In questa Sezione vengono pubblicate alcune domande sulla Gestione dell'Allevamento dei canarini di colore Lipocromici Rossi e Rossi Avorio inviate tramite e-mail a MAXIMO_DM@libero.it seguite dalla Risposta dell'Allevatore Massimiliano Del Bono

Clicca sugli Argomenti per leggere le domande degli Utenti e le risposte dell'Allevatore

Piccoli gettati fuori dal nido

Morte pullus con puntino nero

 Come migliorare le qualità del colore

Parassita durante le cove

Problemi di Riproduzione 22/04/06

 Colorazione canarini di colore 22/04/06

- Canarina ancora non pronta alla Stagione cova 11/04/06

- Morte dei pullus 13/03/06

- Canarini spiumati dai genitori 13/03/06

- Rottura uova - 05/03/06

- Canarini con problemi respiratori - 05/03/06

- Canarini ancora non pronti alle cove - 02/03/2006

- Vitamine durante la cova - 24/02/2006

- Speratura uova - 24/02/2006

- Morte Embrionale - 17/02/2006

 - Gestione Alimentazione e uso Antimicotico - 16/02/2006

- Accoppiamento tra Brinati - 25/01/2006

- Colorazione e Alimentazione periodo Cove - 25/01/2006

- Come migliorare la maschera dei Rosso Mosaico - 11/01/2006

- Morte improvvisa - 08/01/2006

- Alimentazione e uso di Probiotici - 06/01/2006

- Preparazione dei Riproduttori - 28/12/2005

- Preparazione e stimolo all'Alimentazione - 05/12/2005

- Come migliorare il fattore ali bianche nei Rossi  - 15/11/2005

- Caratteristiche tipiche dei giovani canarini - 14/11/2005

 

Domanda - Piccoli gettati fuori dal nido

Ciao Max... ho da poco scoperto il tuo sito, ma ne sono subito rimasto impressionato per la tua gentilezza e competenza, infatti molto spesso ci navigo un po sperando di trovare novità interessanti... Ora avrei ben due consigli da chiederti:
1) nel mio modesto allevamento amatoriale ho una coppia di Gloster che già dall'anno scorso ho provato a far riprodurre. Per la deposizione, la cova e la nascita dei novelli tutto ok, poi si è presentato il problema: su tre covate, tutte le volte dopo circa una settimana dalla schiusa delle uova ho ritrovato i piccoli buttati fuori dal nido. Quest'anno non vorrei che succedesse la stessa cosa quindi ti chiedo aiuto. Siccome penso che sia proprio la madre a buttarli fuori dal nido (anche se non ne ho la certezza) non vorrei che lo facesse perché, avendo il maschio ancora in gabbia, vuole subito accoppiarsi di nuovo. Secondo te è un'ipotesi plausibile o il motivo potrebbe essere un altro?
2) quest'autunno ho acquistato la mia prima coppia di canarini rossi ( intenso il maschio, brinata la femmina) e tra poco vorrei provare a farli riprodurre.. Ho letto tanto sul tuo sito su come trattarli e che alimenti somministrare ma siccome sono ancora inesperto in questo campo ti richiedo lo stesso un paio di cosa. Quando i miei canarini nascono di solito somministro uovo fresco tutti i giorni, più le solite cose come miscela di semi, ecc... Quel pastoncino rosso che si vede ovunque che è fatto apposta per i lipocromici rossi posso iniziare a somministrarlo subito ai novelli che nasceranno dalla coppia di rossi o attendo un po somministrando loro solo l'uovo e le altre cose come faccio con gli altri canarini??
Grazie per la tua gentilezza
Ciao MANUEL

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Per me è sempre un piacere e spero che i miei umili consigli siano di aiuto per evitare problemi durante l'allevamento, poiché le situazioni che si creano sono sempre tante e differenti tra loro.
1) Nel tuo caso come detto in precedenza le situazioni posso essere molte, la prima è che la canarina si accorge che i pullus soffrono non crescono bene e sono malati di conseguenza li getta fuori dal nido per ucciderli e non farli più soffrire, nel secondo caso può verificarsi gelosia tra i sessi e i genitori diventano possessivi gettando fuori dal nido i pullus, un'altra situazione analoga si verifica quando la femmina stimolata dal maschio si affretta a gettare i pullus dal nido per iniziare una nuova ovo deposizione.
Per evitare che i genitori gettino i pullus sul fondo gabbia devi inserire un foglio di carta prima della griglia questo dovrebbe fermare i genitori a queste cattive abitudini, oppure togli il maschio dopo che la femmina deponga tutte le uova, per reinserirlo al 20° giorno di vita dei pullus.
2) L'uovo è un alimento completo ideale per la crescita dei pullus, ma deve essere somministrato con una certa attenzione avendo l'accortezza di togliere i residui dopo qualche ora poiché tende facilmente a rancidirsi.
Se è tua intensione ottenere rossi completamente colorati cioè anche ALI (remiganti) e CODA (timoniere) puoi somministrargli il pastoncino rosso già da adesso, se invece preferisci che i tuoi rossi  abbiano ali e coda bianche il  pastoncino rosso lo fornisci solo dopo il quarantesimo giorno di vita.
 

 Menù

Domanda - Come migliorare le qualità del colore

Allevo canarini nero-rossi intenso ed agata rosso mosaico, come colorante uso: CANTAXANTINA BETACAROTENE E CAROFIL RED contemporaneamente mescolati nel pastone ! Ho notato che la colorazione a fine muta non è il massimo dello splendore tenendo conto che uso tre coloranti! so che qualcosa sto sbagliando!mi hanno consigliato di ammorbidire il pastone con dell'olio di merluzzo per rendere il piumaggio pi§ brillante.    DOMANDA: quanto e quale colorante sopra citato devo utilizzare per arrivare a fine muta con uccelli colorati con un bel rosso vivo?

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Non bisogna basarci solo su ché tipo di colorante artificiale si usa, ma tener conto anche delle qualità di colorazione dei propri soggetti. Io uso per tutti i miei canarini 10gr di Carophill Red in un Kg di pastoncino morbido e non tutti esprimono il massimo nella varietà.

Bisogna selezionare sempre i canarini migliori che esprimono qualità, uniformità e purezza del colore posseduto.

Menù

Domanda - Morte pullus con puntino nero

Ciao Max, ti scrivo ancora una volta per chiederti un consiglio urgente. Ho notato che alcuni piccoli alla nascita presentano un puntino nero su di un fianco, questi ultimi si sviluppano poco nella crescita nonostante io li aiuti allo stecco e dopo qualche giorno muoiono schiacciati, come posso risolvere questo problema visto che su diciotto nati solo sei si sono salvati? spero che anche questa volta riesca a risolvere il problema.

Grazie anticipatamente Mauro

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

La presenza del puntino nero che intravedi sul fianco destro di alcuni pullus appena nati, stà a significare che il piccolo non è in buone condizioni di salute e sta soffrendo. Purtroppo non basta essere un esperto di canarini per individuare il problema solo basandosi sui sintomi presenti, bisognerebbe intervenire con un esame batteriologico e antibiogramma. Ti consiglio di prelevare uno o due pullus ché presentano questo puntino nero e farli analizzare presso un Laboratorio Veterinario o un Istituto Zooprofilattico, questo per individuare con certezza se c'è una patologia in corso e la cura più idonea da effettuarsi.

Menù

Domanda - Parassita durante le cove

Ciao Massimiliano, complimenti per il tuo sito. Sono qui per chiederti un consiglio. Purtroppo anche quest'anno ho paura di non portare a termine nessuna covata, la prima che ho fatto, il pullus mi e' morto dopo 10 giorni, pulendo il nido ho trovato sul fondo nel suo interno tantissimi insetti molto piccoli e neri. Non mi spiego come, premetto che lavo tutti i giorni gli attrezzi, cambio l'acqua e mangime fresco tutti i giorni con alternanza di mela, insalata e uovo sodo. Ho sentito parlare di prodotti che aiutano la riproduzione con vitamine. Ormai siamo quasi alla fine e spero di fare almeno una covata a buon fine.
Grazie come sempre per le tue risposte.

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Sicuramente si tratta di acari, questo parassita si nutre del sangue dei canarini che manifestano anemia negli adulti e morte nei nidiacei.
Inoltre il parassita può essere il veicolo di malattie batteriche e virali trasmesse con la puntura da un canarino all'altro, provocando un vero e proprio disastro in allevamento.
Per la cura oltre a una massiccia disinfestazione delle gabbie e delle attrezzature ti consiglio di inserire una goccia di Ivomec dietro la nuca di ogni canarino, in più sotto la coppa di ogni nido mettere della polvere antiparassita al piretro io uso PBK della formenti.
Come disinfestante ti consiglio il Fortecid e Foractil liquido.
E' molto importante prevenire queste infestazioni, poiché anche con le dovute cure la maggior parte delle volte si presenta difficile risolvere il problema.

Menù

Domanda - Problemi di Riproduzione

Ciao Massimiliano,
scusa se ti do del tu.

Sono Stefano, sono qui ancora a romperti le scatole, ma tra un po' non so più cosa fare. Ti avevo raccontato che dal nulla ero arrivato ad avere una cinquantina di canarini poi morti per una malattia. Ora a distanza di qualche anno ho ripreso la mia passione, cercando di allevare la tua stessa razza, ma come ti avevo detto non riesco a far accoppiare i miei canarini. Mi hanno effettivamente deposto altre uova, ma sempre non feconde, poi un'altra volta, ma solo uno sempre non feconda.

Cosa posso fare ????? Ti ringrazio per l'eventuale aiuto che mi dai.

Tieni presente che non sono un allevatori esperto come voi, quindi non do alimentazione diversa, piuttosto che ore di sole ecc.... ho solo un gran passione per i canarini, che man mano mi sta portando tante informazioni

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Ciao Stefano, ricevo tante email che mi chiedono consiglio su come risolvere i problemi dei propri Allevamenti e con piacere rispondo sempre a tutti, ma non posso garantire dei buoni risultati dalle mie risposte.
Soprattutto perché bisognerebbe valutare molti fattori riguardanti l'Ambiente d'Allevamento, l'Alimentazione e la propria Gestione.
La non fecondità del maschio in questo periodo può essere imputabile a utilizzo di antibiotici, anzianità, oppure alle non perfette condizioni di salute, questi fattori valgono anche per la femmina, ora sta a te valutare tutto questo.

Menù

DOMANDA - Colorazione canarini di colore

Egr. Sig Del Bono

Le scrivo per sapere circa la colorazione dei rossi mosaico. Lei tempo fa mi ha consigliato il pastoncino Platino della Progeo con il Carophill red.

Quali sono le dosi per miscelare il pastoncino con il colorante ? E a quante settimane di età devo iniziare per i novelli? E per gli adulti?

La ringrazio in anticipo della sua disponibilità e le porgo cordiali saluti

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Per i Novelli si inizia dal quarantesimo giorno di vita, io miscelo 10gr di Carophill Red in 1Kg di pastoncino Platino.
Per gli adulti inizio dopo il termine della stagione Riproduttiva.

Menù

DOMANDA - Canarina ancora non pronta alla Stagione cova 11/04/06

Ciao Massimiliano, mi chiamo Andrea e sono un giovane "neo"allevatore di canarini gloster.
Volevo porti una domanda: il maschio della coppia, un gloster corona, mostra evidenti segni di essere entrato nel periodo riproduttivo ovvero canta parecchio ed ha un comportamento allegro continuando a saltare di qui e di la nella gabbietta. La femmina invece non sembra accennare una risposta positiva nei suoi confronti, il suo comportamento è calmo e non desidera la costruzione del nido anche se ha a sua disposizione il portanido esterno coperto da un telo verde e un sacchettino con il filo di juta. È possibile che non sia ancora entrata in estro anche se siamo già a buon punto del mese di aprile o devo pensare ad altri possibili problemi? Somministro ad entrambi della vitamina E nel beverino dell'acqua e li nutro con semi secchi, pastoncino all'uovo, panico, mele e foglie di tarassaco. Hanno inoltre a disposizione il blocco minerale. Alloggio le bestiole in una gabbietta di cm 45x22x30 per ora purtroppo divisa in due da una parete di compensato per non permettere che i soggetti si vedano. Hai qualche consiglio da darmi?
Ti ringrazio molto per la risposta e volevo farti i miei complimenti per il tuo bel allevamento.

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Caro Andrea, in questo periodo i canarini sono in piena forma amorosa, quindi posso dedurre che ci sia un problema riguardante la femmina visto che da quello che mi dici in questa email il maschio è in piena forma.
Di solito le femmine che non depongono durante il periodo Riproduttivo manifestano non buone condizioni di salute, questo sta a te valutare.
Per darti un mio parere più completo devo sapere alcune cose:
Da quanto tempo sono insieme i canarini?... il nido quando è stato introdotto?
Come si presenta la pancia della femmina?... e di che colore?

RE: DOMANDA - Canarina ancora non pronta alla Stagione cova 12/04/06

Ciao Max, grazie della tua risposta veloce!Dunque, i canarini sono insieme da tre settimane, dove li ho acquistati inoltre mi hanno detti che erano già pronti ad effettuare cove quest'anno (quindi penso che siano uccelli almeno delle prime nidiate dell'anno passato). Appena li ho acquistati li ho alloggiati nella gabbietta di cui ti parlavo, assieme per i primi due giorni e li ho separati i giorni successivi. Il nido l'ho introdotto alla femmina 10 giorni fa e da qualche giorno le sto anche fornendo il materiale per la sua costruzione. La pancia della femmina si presenta bella tonda e di un rosa vivo, ho provato a fare qualche foto per mostrartela ma è difficile con tutte quelle piume ;) provo comunque a mandartela, con la tua esperienza magari riesci a trarne qualche informazione in più. Ti mando anche una foto della femmina nel suo splendore... Inoltre che consiglio mi dai? è meglio rimetterli insieme o aspettare segni di "voglia"? Grazie ancora per la tua disponibilità, sei molto gentile ad aiutarmi.
Buona serata Andrea

RE: RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Bella canarina, in ogni modo non vorrei sbagliarmi ma nella foto dove si vede la pancia della canarina si intravedono alcuni spezzoni delle piume, questo mi fa pensare che la femmina abbia avuto una falsa muta, dovuto ad una illuminazione artificiale e un cambiamento brusco dall'ambiente dove era prima al tuo.
Se si tratta di questo può essere che abbia bisogno di qualche giorno in più, vedrai che appena sarà terminata questa falsa muta, deporrà sicuramente le sue uova.
Reintroduci il maschio con il nido e fornisci loro alcune vitamine del Gruppo (A-D3-E) per una settimana.

Menù

DOMANDA - Canarini spiumati dai genitori 13/03/06

Ciao Max

Nella  stagione trascorsa ho avuto diversi novelli “scodati”, non so se la cosa è  da attribuire ad un eccesso vitaminico o alla troppa luce in allevamento, probabilmente entrambi.

Purtroppo la ricrescita è stata a dir poco impresentabile: piume scomposte, allargate, insomma un vero e proprio disastro.

Come sempre ho provveduto a separare per tempo i giovani dai genitori ed alla madre ho fornito nuovo materiale per il nido.

Vorrei un tuo parere ed eventuali rimedi.

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Se si parla di canarini durante lo svezzamento e quasi più che normale, questo perché le femmine stimolate alla seconda covata spiumano i piccoli per la costruzione di un'altro nido.
Per evitare questo massacro devi inserire tra il  15° e 20° giorno di vita dei piccoli canarini, un secondo nido con del materiale per la sua costruzione anche se alcune volte la canarina si mostra non interessata, questo però evita di far spiumare i novelli.
Non uso prodotti particolari ma sto attento molto a non farli spiumare dai genitori.

Menù

DOMANDA - Morte dei pullus 13/03/06

Mi chiamo antonio posseggo 6 coppie di canarini .L'anno scorso è stato 1 strage su una ventina di novelli ...... tutti morti. quello che non capivo è xchè morivano dopo una decina di giorni dalla nascita,in seguito mi hanno detto che poteva trattarsi di un virus che hanno preso attraverso i semi germinati .disperato ho venduto tutte le coppie. Quest'annocon nuove coppie su 17 uova 10 nati 7 morti ancora allo stesso modo 2 buttati giù dal nido dal maschio e 1 vivo tuttora .cosa mi consiglia? posso evitare i semi e dare solo pastoncino secco e morbido mischiati? anticipatamente la ringrazio Antonio

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

I semi germinati sono un ottimo alimento per i canarini specie durante la stagione riproduttiva poiché sono molto ricchi di sostanze nutritive per la crescita dei pullus.
Purtroppo se non si ha la massima attenzione  durante la loro preparazione e somministrazione, si rischia di creare un vero è proprio disastro in Allevamento, con miceti e batteri che sono la causa principale della morte dei pullus.
Io ti consiglio di non utilizzare più semi germinati e cambiarli con semi bolliti miscelati a pastone secco rinnovati due volte al giorno, in più la cosa  importante è far analizzare uno o due soggetti morti per individuare la causa del decesso, con relativa cura per i canarini.

Menù

DOMANDA - Rottura uova - 05/03/06

Ciao mi chiamo Silvio e avrei qualche domanda da farti ovviamente sui canarini, ma prima di questo volevo farti i complimenti per il sito e i premi ottenuti...
La prima domanda  è questa...ho 3 coppie di canarini rossi con ali e timoniere bianchi...il problema è questo...la coppia una volta aver finito il nido inizia a deporre le uova, tolte una a una ogni mattina e sostituite con quelli finti una volta di aver finito di farle rimetto tutte le sue uova ma non so se il maschio o la femmina le mangiano...perchè???è capitato che una mattina la canarina avesse fatto l'uovo non essendo arrivato in tempo l'uovo era già rotto e mangiato...perchè???e questo capita a 2 coppie...premetto che do a loro il pastoncino cebè con semi germogliati...sembrerebbe tutto a posto ma succede questo e non capisco il perchè...converrebbe togliere il maschio di notte e una volta finito di fare le uova lasciare che la femmina le covi da sola???aspetto la tua risposta perchè mi sa che non ci cavo un ragno dal buco quest'anno...sono deluso e avevo buone aspettative ma mi sa che...
Va beh ora ti saluto e ti ringrazio ciao ciao

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Grazie per i complimenti al mio Sito, con piacere rispondo alle tue domande.
Alcuni canarini non sono buoni Riproduttori, poiché si portano dietro nel loro patrimonio genetico tare ereditarie molto difficili da eliminare.
Sta all'allevatore individuare e eliminare questi soggetti dal proprio allevamento, una di queste tare ereditarie è proprio la rottura delle uova dopo l'introduzione all'inizio cova da parte della canarina.
Di solito è il maschio il responsabile della rottura delle uova, quindi direi di toglierlo gia dalla deposizione del primo uovo., se invece si tratta della femmina sicuramente c'e un problema di salute direi di somministrargli dei sali minerali in polvere e del gritt con carbone.  

Menù

DOMANDA - Canarini con problemi respiratori - 05/03/06

Ciao Max, in questi giorni ho notato che un mosaico 2005, comprato da un allevatore amico, si presentava tondo come una pallina e con sembra raffreddore.... Parlando casualmente con l'amico allevatore, mi diceva che quest'anno è stata proprio una di quelle annate da dimenticare, infatti ha perso molti esemplari.... C'è da dire inoltre che già un'esemplare proveniente dal suo allevamento è morto il mese scorso, causa raffreddamento. Parlando sempre in questi giorni mi ha consigliato di somministrargli 1/2 pastiglia di bentelan in 3/4 di beverino piccolo. Mi chiedevo però, come mai lui ha perso tanti uccelli giovani? Avrà per sbagliato  in qualche passaggio? Oppure l'aver preventivamente somministrato medicinali ha causato un indebolimento dei soggetti?
Nel mio caso, ti chiedo se il consiglio è giusto e se quindi potrei eventualmente rafforzare delle sue carenze. Il soggetto in questione è stato sempre vispo ed allegro, proprio come la femmina presa per l'accoppiamento e morta circa un mese fa.
Grazie sempre per la tua disponibilità
Giuseppe

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Ti consiglierei di approfondire la questione con appositi esami di laboratorio è probabile che si tratti di un'infezione batterica curabile con un antibiotico, antibiotici che possono essere indicati dall'esame batteriologico e relativo antibiogramma.
Il fatto che si osservino sintomi respiratori potrebbe indicare che ci si trova di fronte ad infezioni miste dovute a più agenti infettivi quindi eviterei di somministrare medicinali senza aver prima constatato di che cosa si tratti, questo per non peggiorare le cose.

Menù

DOMANDA - Canarini ancora non pronti alle cove - 02/03/2006

Massimo,
allora i miei canarini sono attualmente situati ad ovest in un garage con un ampio spazio e con luce naturale che proviene da due grandi porte scorrevoli e attualmente gli sto dando mangime misto e gli ho messo a disposizione un po’ di canapa, da ieri gli ho aggiunto anche del "TUTTO SPRINT".
Io avevo pensato di mettere almeno le femmine in una stanza chiusa che ho a disposizione con porta e finestra ma con luce naturale, dici che va bene. Volevo farti un'altra domanda, ho delle gabbie da 40Lx35H circa se metto un divisore andranno bene per le cove che poi successivamente il divisore diventerà griglia per i nuovi nati dove la mamma riuscirà a nutrirli nel ciclo della sua 2 covata?
Spero di non averti ingarbugliato le idee.
Ciao e Grazie.
Michele.

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

E' normale che i canarini non siano ancora pronti visto che non usi luce artificiale, attualmente le ore di luce naturale sono ancora troppo poche per stimolare i Riproduttori all'inizio della stagione cove.
Il consiglio che ti do è quello di Accoppiare tra loro maschi e femmine mettigli il nido con il materiale per la sua costruzione e vedrai che appena le ore di luce naturale aumenteranno i tuoi canarini saranno stimolati all'inizio delle cove, con la preparazione del nido e successivamente con deposizione dopo qualche giorno.
La gabbia ideale per l'allevamento di una coppia di canarini non dovrebbe essere inferiore a queste misure 45x30x35, questo perché farebbe sacrificare troppo la coppia specialmente durante lo svezzamento dei novelli.
Saluti Max

Menù

DOMANDA - Vitamine durante la cova - 24/02/2006

Ciao Massimo, volevo chiederti due cose, la prima, e se durante il periodo che la canarina cova, posso somministrargli, un polivitaminico, tipo Supradin compresse effervescenti, o altra, ed in quale dose?.
La seconda, e un po’ più tecnica, una rossa brinata, può anche presentare, la le piume finali, e la coda bianca, come un normale rosso intenso ( ancora, non ho molta esperienza, con i canarini a fattore rosso).
Grazie, sempre per la tua disponibilità.

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Non credo che serva nessun polivitaminico durante la cova, anche perché il maggior dispendio di energie la canarina lo ha durante lo svezzamento dei pullus e non covando le uova, io ti consiglio di non dargli niente, non ne ha bisogno.
Se la canarina Brinata e del primo anno è del tutto normale che abbia la Coda (Timoniere) bianca.
Tutti i Lipocromici il primo anno di vita, posseggono sia le Ali (Remiganti) che la Coda (Timoniere) bianche, questo perché durante la prima muta i giovani canarini cambiano solo le piume e alcune penne.

Menù

DOMANDA - Speratura uova - 24/02/2006

Caro Massimiliano, mi ritrovo a scriverti per ulteriori consigli!!! intanto grazie per avere risposto prima, sei stato molto gentile poi volevo chiederti :
1. ho una coppia di canarini che ha fatto cinque uova, dopo aver fatto il primo e passato un giorno e poi a fatto le altre 4 uova....uno ogni giorno!!! dopo averle covate per circa 20 giorni dall'ultimo uovo ho concluso che la cova fosse fallita e ho tolto tutto rimettendo nuovo materiale per la costruzione del nuovo nido. devo curare l'alimentazione per far si che la covata vada a buon fine?
2. una seconda coppia appena costruito il nido ha deposto allo stesso modo cioè un uovo , un giorno di riposo e poi un uovo al giorno per un totale attuale di 4. anche qui devo curare l'alimentazione? se si cosa devo somministrare e in che dosi? esiste un modo per sapere senza toccare le uova ( non vorrei essere invadente per la canarina ) se contengono un pulcino in via di formazione?può essere un problema di maschio anche se canta in continuazione?
 
più che una domanda mi sembra un interrogatorio, confido nella tua gentilezza per una risposta. grazie anticipatamente e complimenti ancora per il tuo bellissimo sito

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

1Dall'inizio della cova le uova vanno ispezionate tramite speratura gia dal sesto giorno di cova, questo in modo che se le uova non risultassero fecondate dal maschio,  possono esse tolte per non far covare la femmina delle uova non fecondate per ulteriori altri giorni.
L'alimentazione è importate ma non basta a preparare i maschi, la buona riuscita della fecondazione del maschio nell'inizio della prima covata è data sempre da una adeguata preparazione, nel mio sito puoi trovare una tabella con un ottimo metodo  per preparare sia  i maschi che le femmine.
 
2L'alimentazione deve essere più varia possibile  durante questo periodo (miscela di semi scagliola, Niger, perilla, canapuccia, lino - pastoncino secco ammorbidito con semi cotti - gritt - acqua sempre fresca rinnovata ogni giorno).
La speratura delle uova può essere effettuata tramite una torcetta sperauova a forma di penna che emana luce in modo da individuare le uova feconde da quelle sciacque direttamente nel nido senza invadere troppo l'intimità della femmina durante la permanenza sul nido, in vendita presso negozi specializzati per l'ornitologia.
Il maschio se non da fastidio alla femmina non dev'essere tolto.
Saluti Max

Menù

DOMANDA - Morte Embrionale - 17/02/2006

Egr. Sig Del Bono,
mi chiamo Roberto e già le ho scritto un paio di volte. Le scrivo per sapere il motivo della morte dei pulcini all’interno dell’uovo già formati. Infatti passati i 15 gg. mi sono insospettito e ho proceduto alla rottura delle stesse confermandomi quello che ho appena scritto. La informo che si tratta di una coppia formata da giovani soggetti dell’anno precedente e quindi in prima cova. Come mi devo comportare e quali accorgimenti devo adottare?

La ringrazio per la sua disponibilità

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Tali problemi, di morte embrionale sono legati ad infezioni batteriche dovute da streptococchi, stafilococchi, colibacillosi, per cui sarebbe consigliabile un esame di laboratorio.
Prelevare le feci dei canarini soggetti e portarle al più vicino Istituto zooprofilassi per effettuare un esame batteriologico con antibiogramma, in modo da individuare la cura più adatta ed evitare il ripetersi della patologia.

Distinti Saluti

Menù

DOMANDA - Gestione Alimentazione e uso Antimicotico - 16/02/2006

Ciao Massimo, vorrei da te un consiglio, potresti consigliarmi un ottima miscela di semi, per verdoni, lucherini e cardellini. Quale pastone potrei usare?.
Nella riproduzione, devo usare gli stessi metodi, che uso con i canarini, cioè somministrando, il fungilin due giorni prima della schiusa, e due giorni dopo la nascita dei pulli, o lascio tutto nelle mani di madre natura.
I gabbioni li ho schermati, con dei rami di pino, o quasi creato una foresta, va bene così, o devo abituarli, con solo le stecche?.
Grazie Gianpaolo

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Ho alcuni amici che usano la miscela per cardellini della Natural in secchi, per il pastoncino userei quello per i spinus sempre della Natural.
Nel mio Allevamento non uso mai Antibiotici, Antimicotici ecc., se non dopo aver individuato un qualsiasi agente patogeno, dopo aver effettuato i necessari esami di laboratorio.
L'uso indiscriminato di farmaci come indice di "pre cova" e non come presenza di una patologia individuata, può provoca problemi ai soggetti, quali alterazione della flora batterica intestinale, infertilità, micosi ecc. oltre a causare sviluppo di resistenza ai farmaci.
Per il resto credo che improntare l'abitat naturale di questi soggetti, con rami e frasche sia una cosa ben fatta.
Saluti Max

Menù

DOMANDA - Accoppiamento tra Brinati - 25/01/2006

Ciao Max
giorni fa ti ho chiesto di quell'allevamento di canarini di colore rosso sbiadito, ovvero arancione.... Sono venuto alla considerazione, rastrellando un po’ di notizie qua e la, che dovrebbero essere canarini rosso arancio brinati.... La mia domanda quindi:
è possibile farli diventare completamente rossi, o almeno di un arancio più carico?
si possono accoppiare 2 brinati?
Ti ringrazio anticipatamente per la disponibilità, a presto

Giuseppe

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Il rosso Brinato non può assolutamente diventare più rosso di così, poiché è l'effetto della brinatura che lo rende meno carico di colore rispetto al Rosso Intenso.
E' importante che tu sappia distinguere il rosso Intenso dal rosso Brinato, poiché possa esserti utile durante gli accoppiamenti.
Nel Brinato il pigmento rosso non raggiunge l'apice finale della piuma che di conseguenza si presenta priva di colore.
Questa caratteristica crea sul piumaggio del canarino un effetto di brinatura distribuita a scagli, più la brinatura è accentuata meno sarà espressivo il pigmento rosso.
 Nel Intenso il pigmento rosso si estende sino all'apice della piuma, che si presenta completamente colorata.
questo dona al canarino la massima uniformità ed espressione del colore rosso.
 L'accoppiamento tra canarini Brinati è sconsigliato, poiché la futura prole può evidenziare difetti al piumaggio (abbondante, sbuffi ai fianchi, cravatta sul petto, piume di gallo, lumps ecc.) al colore (aumento della Brinatura, di conseguenza diminuzione di pigmento rosso ecc.).
spero di esserti stato di aiuto con la mia risposta
Saluti Max Del Bono

Menù

DOMANDA - Colorazione e Alimentazione periodo Cove - 25/01/2006

Carissimo Sig. Del Bono, mi chiamo Roberto e vorrei sapere alcune
informazioni  riguardo la colorazione dei rossi mosaico.
Che tipo di pastoncino viene generalmente usato e se gentilmente  può
indicarmi il nome del prodotto. Un ultima cosa, Ho letto nella Rubrica
"Domande frequenti" che da in questo periodo del mangime bollito (niger,
canapuccia, grano saraceno) ma come lo prepara?
Nel  ringraziarla anticipatamente, colgo l'occasione per farLe i
complimenti
al suo lavoro che svolge con i canarini e porgerLe Distinti Saluti

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Per quanto riguarda la colorazione dei rosso Mosaico il pastoncino che io
uso durante il periodo della muta è il Platino, pastoncino morbido della
PROGEO, che fornisco ogni giorno dal quarantesimo giorno di vita del
canarino fino a muta ultimata Settembre/Ottobre.
La preparazione dei semi bolliti segue una semplice prassi, si prepara un
certo quantitativo dei tre semi base che utilizzo (Niger, canapuccia e grano
saraceno).
Metto sul fuoco una pentola con dell'acqua, la porto ad ebollizione e
aggiungo la quantità di semi che mi serve, li lascio bollire per altri 5
minuti o qualcosa in meno, dopo di che li passo in un colino sotto la
fontana e li risciacquo abbondantemente, poi li allargo su di un canovaccio
e li lascio asciugare per alcune ore.
Dopo di che li fornisco ai miei canarini miscelati al pastoncino.

Menù

DOMANDA - Come migliorare la maschera dei Rosso Mosaico - 11/01/2006

Ciao Max: sono Calogero.
> Volevo un consiglio,come risolvere un problema nel mio ceppo di mosaici rossi.
> Domanda:
> Come migliorare la parte inferiore della maschera facciale,sotto il becco.
> E se influisce la femmina ,che tipo di femmina devo usare.
> Aspettando una tua risposta,ti manto tanti saluti.
> GRAZIE.

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono
Per prima cosa, i maschi che utilizzi per la Riproduzione non devono avere il bianco in torno al becco, ma soprattutto la mancanza di lipocromo anche se minimo al di sotto del becco è un grave difetto da correggere.
Le femmine che devi utilizzare per avere una buona percentuale di miglioramento ed estensione delle maschere inferiori dei maschi, sono caratterizzate da una mascherina facciale completa e intensamente pigmentata che deve estendersi tutta intorno al becco e dietro l'occhio, il pigmento non deve comprendere le guance.
Ti ricordo che la femmina influisce sulla prole, quanto il maschio.

Saluti Max Del Bono

Menù

DOMANDA - Morte improvvisa - 08/01/2006

> Ciao Massimiliano,
> prima di tutto ti auguro un buon anno, doveroso visto che sono passati solo pochi giorni dal fatidico cenone....
> Mi rivolgo a te nuovamente per chiederti, se possibile, lumi su quanto mi è accaduto alcune ore fa.
> Oggi, ho lasciato la cura dei soggetti a mio nipote, che condivide con me questa passione e l'allevamento. All'improvviso mi ha chiamato per farmi notare l'atteggiamento strano di uno dei soggetti che avevamo in preparazione per le prossime cove.... si poggiava sul fondo della gabbia negli angoli, l'ho preso ed aveva gli occhi socchiusi ma ancora vispo, poi, pian piano è finito con il chiudere gli occhi e non muoversi più. Subito dopo ho preso a notare tutti i soggetti, questo era un maschio ed era posizionato nella volieretta con tutti i maschi. Ho notato, in un'altra gabbia, dove ho le femmine, che all'improvviso sempre uno dei soggetti nati nel 2005, sorella di quello precedentemente finito praticamente fra le mie mani, che sembrava volesse starnutire a bocca aperta ma dritta sullo stecco, l'ho presa, ed è praticamente finita fra le mie mani. Questi soggetti sono tutti all'interno con ambiente a circa 18 gradi. ho praticamente cambiato tutte le gabbie, disinfettato nuovamente tutto, come del resto fatto dopo la muta, e sto notando i soggetti rimasti. Fino a ieri sera, tutto era a posto, nulla dava a pensare a soggetti malati, ne raffreddore ne respiro pesante, nulla.
> Ti chiederò l'impossibile, ma potresti darmi un indicazione, un suggerimento o semplicemente una tua impressione?
> Ti ringrazio per quanto fai per tutti noi che ricorriamo sempre a te, e per quelle persone che grazie alle nostre domande, ed alle tue successive risposte, riescono a diffondere sempre più il culto e la cultura dell'allevare con amore e passione.
> In attesa di leggerti, Giuseppe.

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Ciao Giuseppe, auguro anche a te Buon Anno.
Purtroppo le poche indicazioni che mi dai riguardo i sintomi dei tuoi soggetti finiti male non mi illuminano più di tanto.
Di solito è difficile stabilire per un Allevatore come sia morto quel canarino e il perché, in quanto alcune malattie dei canarini si presentano più o meno con gli stessi sintomi.
Se il problema si ripresenta su altri soggetti del tuo Allevamento ti consiglio di fare un esame sia Parassitologico che Batteriologico tramite prelievo delle feci o cloacale.

Saluti Max Del Bono

Menù

DOMANDA - Alimentazione e uso di Probiotici  - 06/01/2006

Sig. DEL BONO,
inizio con farle i miei complimenti per il sito, il più completo che abbia visto. le chiedo se è cosi gentile da farlo di darmi alcune informazioni , visto che sono agli inizi, sul modo di alimentare i canarini in questo periodo, usa mangimi particolari o miscele sue di graniglie? cosa ne pensa dei probiotici, me li consigli, quali?
grazie anticipatamente, Giuseppe.

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono
La ringrazio per i complimenti sul Sito.
L'alimentazione che fornisco ai miei canarini durante questo periodo è composta da miscela T3Oro della Natural, pastoncino secco Raggio di Sole (TH WHITE), miscelato due volte la settimana con mangime bollito (niger, canapuccia e grano saraceno).

Come lei sa i probiotici sono microrganismi in grado di modificare positivamente l'equilibrio della flora batterica.
Quindi li considero ottimi per integrare la dieta dei nostri canarini.
Uno dei maggiori prodotti che io utilizzo è il Lievito  Sohn con (fermenti lattici prebiotici).

Menù

DOMANDA - Preparazione dei Riproduttori  - 28/12/2005

Ciao Massimiliano io mi chiamo Giuseppe e volevo chiederti qualcosa riguardo
> la preparazione dei soggetti all'accoppiamento. Allevo circa 10 coppie di
> Mosaico Rosso L.F. in una veranda senza possibilità di programmare luce nè
> calore. I soggetti sono allevati in gabbie da 45 cm. durante la preparazione
> non ho la possibilità di spostare le femmine in altro ambiente e quindi lascio
> la coppia nella gabbia divisa da un separe'. l'incoveniente è spesso quello di
> pose premature e uova chiare. Mi consigli di lasciare le femmine sole in
> gabbia e allogiare i maschi in voliera da 120 ? E se facessi l'opposto?
> Alcuni soggetti da me allevati presentano una scarsa varietà tendente
> all'arancio pallido anche se i rispettivi fratelli sono molto colorati, ciò
> dipende dalla assimilazione del colorante oppure si tratta di un questione
> genetica? Posso utilizzare tali soggetti a scopo riproduttivo ? Ti ringrazio
> anticipatamente e .... buon anno.

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Salve Giuseppe è un piacere rispondere alle tue domande.
La preparazione dei futuri Riproduttori è di fondamentale importanza per la riuscita Positiva della stagione cove.
Nel tuo caso, dato che non puoi anticipare le cove, devi innanzi tutto scegliere una data per gli accoppiamenti.
Io ti consiglio di Accoppiare tra i primi e la metà di Marzo, poiché tra Gennaio e Febbraio le ore di luce naturale a disposizione sono in meno e la temperatura è troppo bassa.
Le Femmine vanno alloggiate in volierette, i maschi possono essere alloggiati singolarmente o in piccoli gruppi da 3 o 4 soggetti (da tenere sotto controllo l'aggressività di alcuni).
Fornire tre volte la settimana <Tuttosprint> della formenti solo ai maschi, gli ultimi dieci giorni prima degli accoppiamenti dare sia ai maschi che alle femmine vitamine <AD3E> nell'acqua da bere.
Per la colorazione dei tuoi canarini possono essere molti i fattori tra qui: ritardo della colorazione, patrimonio ereditario, scarsa assimilazione dei coloranti dovuta ad una non buona condizione di salute il periodo della muta.
Quindi se li consideri non buoni di varietà direi di non utilizzarli come Riproduttori, altrimenti il risultato della prole sarà deludente.
Saluti Max Del Bono

Menù

DOMANDA -Preparazione e stimolo all'Alimentazione - 05/12/2005

Ciao Massimiliano mi chiamo Marco ci siamo sentiti circa un mese fa per telefono su alcuni consigli riguardo l'alimentazione che devo usare nel mio allevamento di canarini rossi mosaici. se ti ricordi ti chiedevo che tipo di pastoncino usassi e come lo fornivi ai tuoi canarini  te mi ai consigliato un pastone secco per questo periodo ma ho notato che non lo mangiano come posso fare per stimolarli a mangiarlo? Come posso preparare i canarini alla cove? Cosa devo fornire alle coppie di canarini con i piccoli? Posso dargli l’uovo bollito? Scusa se ti faccio tutte queste domande ma visto che anche se ci conosciamo solo telefonicamente ho notato che sei molto disponibile.

Grazie anticipatamente per i tuoi consigli.

RISPOSTA- Massimiliano Del Bono

Ciao Marco mi ricordo di te, su questo ho una buona memoria.

Il tipo di pastoncino secco che ti ho consigliato è un ottimo prodotto che da qualche anno utilizzo nel mio Allevamento con gran successo, ma ai me purtroppo quando lo fornisco durante questo periodo non trovo ben pochi problemi poiché essendo poco appetibile i canarini non lo mangiano molto, quindi per stimolarli due volte la settimana lo somministro con dei semi bolliti ( niger, canapa e grano saraceno bolliti per circa 10 minuti, e miscelati nel pastoncino secco) questo procedimento non fà altro che stimolare le femmine a nutrirsene e di conseguenza ad abituarsene in particolare durante il periodo delle cove.

I canarini vanno preparati per tempo, in particolare i maschi, cioè: decidere il periodo in cui si vuole iniziare le cove, Febbraio se si ha la possibilità di luce artificiale, quindi si deve iniziare a preparare i maschi già dalla metà di Dicembre fornendo loro una Alimentazione molto più ricca e bilanciata (almeno pari al 60% di scagliola 40% di niger, canapa, perilla), aumentare gradualmente le ore di luce artificiale, fornire vitamine AD3E durante gli ultimi 10 giorni, prima degli Accoppiamenti, per le femmine il procedimento non serve, visto che esse per essere stimolate agli Accoppiamenti, avranno bisogno solo dei primi 15 giorni di luce artificiale, prima degli Accoppiamenti.

Pastoncino e semi bolliti da fornire due volte al giorno mattina e pomeriggio solo alle coppie con i pullus.

Se vuoi fornirgli l’uovo sodo, dagli solo il bianco ricco di proteine e vitamine utili per la crescita dei pullus.

Menù

DOMANDA - Come migliorare il fattore ali bianche nei Rossi  - 15/11/2005

Carissimo Massimiliano, anzitutto ti faccio i miei complimenti per la qualità del sito e, con l'occasione, poiché condividiamo la stessa passione (allevo da diversi anni canarini lipocromici a fattore rosso - ala bianca),  vorrei avere il tuo parere su alcune cose inerenti.

Premesso che ottenere  ali e timoniere bianche nei canarini a fattore rosso è soprattutto una questione genetica, io sono diversi anni che indirizzo la selezione per ottenere questo  risultato: 

1) Per ottenere remiganti e timoniere bianche, metti ogni tanto qualche avorio rosa? Se si, utilizzi femmine brinate ?

2) Avrai notato che nella terza cova, remiganti e timoniere sono più bianche delle prime, perché ? Cosa ne pensi ?

3) La passata stagione ho utilizzato un pastoncino di mia formulazione che,  tra l'altro,  prevede l'utilizzo di farina di soia: con mio dispiacere, a muta completata, ho notato che ali e remiganti presentano una poco piacevole doratura. Non so se ripetere l'esperienza, però sostituendo la farina di soia con la caseina per elevare il valore proteico a 20-21%. Tu che pastone secco utilizzi durante l'allevamento, per evitare questo inconveniente? 

Ti ringrazio anticipatamente e spero di sentirti al più presto, Paolo.

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Grazie per i complimenti sul sito, è un piacere rispondere alle tue domande.

 1) Introduco in alcuni accoppiamenti dei Rosso Avorio sicuramente per migliorare il fattore ali bianche, ma più delle volte mi accorgo che può modificare qualcosa sulla qualità Lipocromica del Rosso, quindi ci vado molto cauto. Brinate ho Intense non faccio differenza.

 2) Il colorante che noi forniamo ai nostri canarini viene assorbito dall’organismo e la durata di smaltimento da quando si smette di fornirlo varia dai 5 ai 6 mesi, per questo motivo i soggetti ottenuti dalla prima e seconda covata esprimono una leggera doratura sulle remiganti e timoniere, mentre per la terza cova i canarini hanno una discreta aletta bianca.

3) Purtroppo la farina di soia da un effetto doratura. Io inserisco della caseina nel pastoncino utilizzato durante il periodo delle Cove per alzare la carica proteica almeno del 20%. Il pastoncino da me utilizzato è il TH WHITE secco della Raggio di Sole.

Menù

DOMANDA - Caratteristiche tipiche dei giovani canarini - 14/11/2005

Egregio sig Del Bono,

Vorrei sapere alcune informazioni sul varietà Rosso Mosaico poiché ho acquistato due coppie di tale razza e ancora ho molti interrogativi a cui ancora non ho trovato risposta, tipo: Di che colore nascono i pulcini? Come diventeranno con le caratteristiche dei genitori? Subiscono delle colorazioni o diventano così naturalmente?

La ringrazio in anticipo, Roberto.

RISPOSTA - Massimiliano Del Bono

Di solito i giovani canarini si presentano di un giallo paglia che si esprime su tutto il corpo, più o meno estese si intravedono le zone di elezione, fornendo il colorante nel pastoncino già dal quarantesimo giorno di vita, i giovani canarini a muta ultimata esprimono tutte le caratteristiche dei genitori più o meno belle.

Spero di esserti stato di aiuto

Menù

 

Allevamento

Preparazione dei Riproduttori

Riproduzione e Cove

Muta Estiva

Preparazione alle Mostre

Periodo di Riposo

La Mia Associazione

Articoli

Link

Eventi Mostre 

Domande Frequenti  

Download